Vai a sottomenu e altri contenuti

SUAP - Sportello unico attività produttive

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) si inserisce in questo percorso autorizzativo, proponendosi come soggetto deputato a coordinare e gestire l'iter del procedimento amministrativo, mediante un'azione di raccordo tra le pubbliche amministrazioni coinvolte e ponendosi come interlocutore unico nei confronti dell'imprenditore. Lo Sportello informa, accoglie e segue tutte le pratiche rivolte verso i diversi uffici comunali e gli enti esterni coinvolti nel procedimento.

Il SUAP semplifica e garantisce la conclusione delle pratiche in tempi rapidi e certi, e soprattutto, l'imprenditore ha il vantaggio di rivolgersi ad un unico ufficio!

Trascorsi 20 giorni dalla presentazione di una semplice autocertificazione di conformità alle norme vigenti (DUAAP), l'imprenditore può avviare la propria attività (o qualche giorno in più nel caso si renda necessario convocare una Conferenza di Servizi).


Sinteticamente, le funzioni dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) sono le seguenti:

•funzione amministrativa, per la gestione del procedimento unificato e l'ottenimento di un titolo abilitativo unico per la realizzazione di un intervento relativo ad attività produttive. Lo Sportello fornisce la modulistica, dà indicazioni sulla documentazione da presentare, riceve le istanze, esegue una pre-istruttoria, trasmette le pratiche agli uffici interni e agli enti interessati, vigila sui tempi di istruttoria della pratica, dà la possibilità all`imprenditore di verificare in qualsiasi momento lo stato del procedimento, convoca le conferenze di servizi ed emette, quando necessario, il provvedimento finale;

•funzione informativa, per l`assistenza e l`orientamento alle imprese ed all`utenza in genere. Oltre che allo sportello, una sezione informativa è presente sul sito internet, dal quale si può agevolmente accedere ad un`ampia banca dati con la descrizione dei procedimenti, la modulistica e i riferimenti normativi propri di ogni procedimento;

•funzione promozionale, per la diffusione e la migliore conoscenza delle opportunità e potenzialità esistenti per lo sviluppo economico del territorio. Lo Sportello è un soggetto attivo del marketing territoriale, fornisce un supporto informativo alle imprese presenti ed operanti sul territorio, agli aspiranti imprenditori, alle imprese che dall`esterno intendono operare nell`area. La finalità di questa funzione è la promozione dello sviluppo delle attività economiche e della capacità di attrarre investimenti dell`area.

Requisiti

Essere imprenditore. Invio della pratica via PEC La riforma introdotta dal Decreto del Presdiente della Repubblica 160/2010 prevede l’invio telematico delle pratiche al SUAP territorialmente competente per tutte le vicende che riguardano la vita di un’attività produttiva. L’invio telematico, ad oggi, può avvenire attraverso due modalità alternative:•1- trasmissione, della documentazione sottoscritta con firma digitale, mediante il software disponibile sulla piattaforma regionale www.sardegnasuap.it;•2- trasmissione della documentazione, sottoscritta con firma digitale, mediante PEC. Dei piccoli accorgimenti per tecnici e imprenditori che predispongono l’invio della pratica via PEC:•ridurre al minimo il numero delle mail inviate e attenersi ad una dimensione massima di 50 Mb, per ciascuna mail.•richiamare, nel testo della mail, il numero complessivo delle stesse, in progressione (esempio: mail 1 di 3, mail 2 di 3 e mail 3 di 3)•indicare sempre il nome dell’operatore SUAP con il quale è stata effettuata la preistruttoria della pratica. Formato dei files:•files di testo, relazioni, documentazione fotografica, immagini o documenti acquisiti dal cartaceo: pdf•elaborati tecnici: dwf•files compressi: rar, zip, 7zip Si rappresenta che i documenti dovranno poi essere firmati digitalmente, pertanto all’estensione di origine (pdf, dwf,rar, zip, 7zip) si aggiungerà quella della firma digitale: p7m. Si segnala, infine, che è sempre e comunque da preferire l’invio attraverso la piattaforma regionale www.sardegnasuap.it, considerato che tutte le comunicazioni inerenti la pratica, una volta istruita, saranno presenti solo su tale strumento di gestione documentale. Il che comporta, per l’utente che invia la pratica tramite PEC, il doversi comunque accreditare per accedere alla piattaforma, al fine di poter acquisire la ricevuta definitiva e tutte le comunicazioni collegate alla pratica (avvio del procedimento, indizione conferenza di servizi, richiesta di integrazioni).

Costi

Nessun costo per il disbrigo della pratica.

Normativa

•D.Lgs. n° 112 del 31/03/1998

•D.P.R. n° 447/1998

•D.P.R. n° 440/2000

•Legge n° 340 del 24/11/2000

•L.R. n° 3 del 05/03/2008

•Deliberazione G.R. n° 22/1 dell'11/04/2008

Documenti da presentare

La modulistica necessaria a seconda dell'attività da esercitare scaricandola dalla piattaforma regionale www.suap.sardegna.it

Termini per la presentazione

La Legge regionale 5 marzo 2008 n.3 ha modificato radicalmente i procedimenti del SUAP prevedendo due procedure possibili per la nascita di un’attività produttiva: l’immediato avvio e la conferenza di servizi (Art. 1 commi 16-32).

Nell’immediato avvio l’imprenditore presenta al SUAP la DUAAP, con allegate le relazioni e le attestazioni tecniche necessarie (allegati). Trascorsi 20 giorni senza che siano segnalate anomalie, l’imprenditore inizia a costruire l’impianto o avvia la propria attività. In casi particolari (indicati al comma 24), l’imprenditore, per la natura dell’attività o la localizzazione dell’impianto, deve attendere gli esiti di un’apposita conferenza di servizi. Si tratta di casi attinenti, ad esempio, alle verifiche ambientali, alla sicurezza pubblica, alla tutela della salute e della pubblica incolumità.

Incaricato

Dott. Silverio Massimo Monni

Tempi complessivi

2 gg per rilascio ricevuta di protocollazione pratica

Note

Prima dell`attivazione di un procedimento unico per l`autorizzazione di un`attività produttiva, l`imprenditore può usufruire dello Sportello Unico per raccogliere informazioni e `chiarire` quali siano le specifiche del procedimento di interesse. Questo può essere effettuato sia presso l`ufficio, con la consultazione diretta del personale, sia mediante internet e la banca dati dello Sportello.

E` così possibile ottenere chiarimenti riguardo l`attività di interesse e le sue eventuali sotto-tipologie; i requisiti personali richiesti per l`attività; i requisiti dell`impianto produttivo; le eventuali abilitazioni professionali necessarie; la disponibilità delle aree di ubicazione; i tempi, gli oneri e la modulistica relativa al procedimento; la possibilità di accedere ad eventuali finanziamenti. L`impresa può inoltre richiedere allo Sportello Unico di pronunciarsi sulla conformità del progetto preliminare con i vigenti strumenti di pianificazione paesistica, territoriale e urbanistica.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto